Nick Collins - Margaret Schedel - Scott Wilson, "Cambridge Introductions to Music. Electronic Music", Cambridge University Press, Cambridge, 2013

Giacomo Albert

Abstract


Scrivere nel 2013 un manuale introduttivo alla musica elettronica è un compito arduo: non soltanto per la dimensione storica di pratiche musicali le cui vicende si dipanano per ben più di un secolo ma, soprattutto, per l’enorme pluralità ed eterogeneità di esperienze che evoca la locuzione ‘musica elettronica’. Tantissime situazioni diverse tra loro, sviluppate in molteplici aree geografiche e non sempre in parallelo, anche se talora in connessione reciproca, afferenti a contesti produttivi, sfere sociali e luoghi di fruizione variegati, dunque difficili da riassumere in un volume unico, necessariamente orientato a rendere un senso di coerenza interna ed esprimere un punto di vista particolare. Nick Collins, Margaret Schedel e Scott Wilson affrontano una simile prova senza limitare l’universo della musica elettronica a un singolo, ristretto, ambito, nel tentativo di dipingerlo nella sua interezza, senza celarne la complessità intrinseca. La forma di un lavoro a più mani è sicuramente adatta all’obiettivo che i tre autori si sono proposti. Il fuoco intorno a cui ruota la struttura unitaria del volume è la tecnologia e la sua evoluzione nella storia, ripercorrendone la diffusione tra i compositori e allargando la prospettiva all’impatto che questa ha avuto nella società.

Full Text

HTM PDF


Copyright (c)



---

 

Analitica - Rivista online di studi musicalilogo analitica

 

 

 

Creative Commons License

Se non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0.

ISSN: 2279-5065