Mauro Mastropasqua, "La logica musicale. Storia di un’idea", Bononia University Press, Bologna 2011

Mario Baroni

Abstract


l volume è dedicato a una storia precisa e documentata del termine “logica” applicato alla musica e diffuso in Europa per quasi due secoli dall’epoca di Bach a quella di Schönberg. Procede per ordine cronologico ed è diviso in tre parti: la prima parla di logica musicale “come matematica”, la seconda di logica “come linguaggio” e la terza si riferisce alla relazione fra logica e “strutture di coscienza”. Il libro esordisce con la menzione della “Società delle Scienze musicali” creata da Lorenz Mitzler nel 1738 e alla quale Bach aderì nel 1747. Christian Wolff, il maggior filosofo tedesco fra Leibnitz e Kant, intendeva fondare un sistema di pensiero capace di raggiungere nel ragionamento prove certe come quelle della matematica e Mitzler voleva mettere in pratica quel metodo anche nel campo della musica. Bach pensava alla razionalità delle forme canoniche come a una sorta di ars combinatoria perfettamente logica. In questi anni non c’era ancora l’attestazione lessicale del termine “logica”, ma le premesse per la sua nascita pienamente esistevano.

Full Text

HTM


Copyright (c) 2016 Analitica - Rivista online di studi musicali



---

 

Analitica - Rivista online di studi musicalilogo analitica

 

 

 

Creative Commons License

Se non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0.

ISSN: 2279-5065