Come eravamo: riconsiderare il popular in un mondo piatto

John Covach

Abstract


Negli ultimi vent’anni, negli Stati Uniti si è assisto all’emergere di quello che – sulla scia di un celebre libro di Thomas L. Friedman (The World Is Flat. A Brief History of the Twenty-First Century, 2005) – potremmo definire come un “mondo piatto” di stili musicali: un ambiente culturale totalmente rimodellato, in cui molti ascoltatori e studiosi non considerano più la musica classica come uno stile più sofisticato di altri. La distinzione tra “alto” e “basso”, che un tempo induceva a valutare la frequentazione della musica d’arte come un segno distintivo di superiorità culturale e intellettuale, oggi è stata ampiamente sostituita dalla consapevolezza che qualunque stile musicale possa risultare interessante e sofisticato in sé e per sé. Una delle conseguenze di tale “appiattimento” delle gerarchie del prestigio culturale è la messa in discussione del significato della locuzione “popular music”. Questo articolo propone una ricostruzione del processo storico che ha condotto alla separazione tra “alto” e “basso” e alle conseguenti categorizzazioni degli stili musicali nella cultura statunitense; si riflette inoltre sul ruolo dello sviluppo della tecnologia digitale nell’accelerazione del processo di “appiattimento” delle gerarchie stilistiche. Tale processo ha reso progressivamente sempre più inefficace
la locuzione “popular music”, che oggi conserva una sua validità solo in prospettiva storica.


Full Text

HTM


Copyright (c) 2016 John Covach

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

---

 

Analitica - Rivista online di studi musicalilogo analitica

 

 

 

Creative Commons License

Se non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0.

ISSN: 2279-5065