Master Universitario di I livello in Analisi e Teoria Musicale

(Music Theory and Analysis)
Università degli Studi della Calabria (seconda edizione 2015-2016)

Promosso dal Dipartimento di Studi Umanistici (Unical) in collaborazione con il Gruppo Analisi e Teoria Musicale (Bologna)

e con

Fondazione Istituto Liszt Onlus (Bologna), Istituto Superiore di Studi Musicali “G. Lettimi” (Rimini), Conservatorio Statale di Musica di Latina, Fondazione Isabella Scelsi, Fondazione Antonio Manes, Conservatorio Statale di Musica di Como, Conservatorio Statale di Musica di Salerno, Università degli Studi di Cagliari e Università degli Studi di Roma La Sapienza

 

E' stato pubblicato il bando dell'Università della Calabria per la seconda edizione del Master in Analisi e Teoria Musicale. La scadenza per le iscrizioni è il 16 gennaio 2016. Rispetto alla prima edizione non ci sono grandissime differenze se non che le collaborazioni si sono estese comprendendo anche altri due Conservatori (Como e Salerno) e l'Università di Cagliari.

L'offerta formativa è rimasta quasi la stessa ma abbiamo pensato di aggiungere ai corsi principali un insegnamento specifico sull'analisi e l'esecuzione musicale proprio per realizzare un collegamento più specifico e diretto tra la disciplina analitico-teorica e i problemi e le strategie della pratica esecutiva. 

Anche per questa edizione saranno disponibili 8 borse di studio: due dalla Fondazione Istituto Liszt, una dalla Fondazione Isabella Scelsi, due dalla Fondazione Antonio Manes (rivolte a residenti in Provincia di Cosenza) e tre (di cui una dedicata a giovani di età inferiore a 26 anni) dal Gruppo Analisi e Teoria Musicale. Le notizie sulle modalità di accesso e sulle scadenze si trovano linkate in questa pagina. Informazioni più precise sulle finalità del corso, sull'ammissione al Master, sull'offerta formativa, sul riconoscimento di crediti pregressi, sugli appuntamenti dedicati alle lezioni frontali e sulle quote di iscrizione si possono trovare cliccando su "Leggi tutto!.

Presentazione del Master: obiettivi, destinatari e possibili utilizzi nel settore della formazione musicale e musicologica

Nel secondo dopoguerra una parte notevole della produzione scientifica della musicologia occidentale si è indirizzata verso i settori dell’analisi e della teoria musicale, e specificamente verso l’indagine su determinati repertori, l’approfondimento teorico-metodologico e la ricerca sullo stile e sull’interpretazione. Dagli studi sulla nozione di stile e dalla classificazione degli studi musicologici di Guido Adler, l’importanza dell’analisi musicale e la sua legittimazione come uno degli strumenti principali dell’indagine storica è oggi testimoniata da una produzione scientifica internazionale diffusa e di alto livello, come anche dalla moltiplicazione di metodologie e proposte analitiche pubblicate su centinaia di riviste specializzate. Anche nel nostro paese, negli ultimi decenni, sia la particolare attenzione dell’editoria italiana per una produzione musicologica di qualità sia l’organizzazione di seminari con studiosi di fama internazionale hanno determinato un notevole approfondimento degli studi analitico-teorici come anche la nascita di diverse riviste musicologiche specializzate nei settori dell’analisi e della teoria.

Uno scenario di questo tipo richiede oggi un adeguamento dei profili professionali che si collocano sia nelle aree dello studio musicologico e della ricerca storica sia nei settori dell’interpretazione e della composizione musicale, dell’insegnamento e dell’aggiornamento didattico. In particolare il recente riordinamento delle classi di concorso della scuola secondaria di primo e secondo grado e specificamente quello relativo alle classi A-49 (Teoria, analisi, composizione e storia della musica) per l’insegnamento presso i nuovi Licei Musicali e Coreutici, ha evidenziato la necessità di un approfondimento e una specializzazione della formazione attualmente erogata nei due livelli degli ordinamenti accademici che si svolgono presso le Università e gli Istituti di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM). Nello stesso senso si è espresso recentemente il legislatore prevedendo per i docenti una quota pari a euro 500 annui per ciascun anno scolastico, che “può essere utilizzata per [...] l'iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell'istruzione, dell’università e della ricerca, a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale.” (comma 121, Legge 13 luglio 2015 n. 107) E un analogo approfondimento teorico-metodologico è richiesto ai docenti impegnati presso gli attuali Conservatori e Istituti AFAM, non solo per quanto riguarda gli insegnamenti di analisi, teoria e composizione attivati nei Diplomi Accademici di secondo livello ma anche e soprattutto nella prospettiva di un rafforzamento dei settori dedicati alla produzione e alla ricerca artistica nonché nell’attivazione del terzo livello dell’offerta formativa (il Dottorato di Ricerca).

Il Master ha l’obiettivo di introdurre lo storico e il musicologo, lo studente, l’interprete e il didatta ai diversi ambiti della ricerca musicologica di carattere teorico-analitico sviluppando specifiche conoscenze e abilità, fornendo gli strumenti necessari alla realizzazione di esperienze teorico-analitiche approfondite e attivando le competenze per l’elaborazione di testi e articoli qualificati. Nella specializzazione di profili professionali collocabili nella ricerca storico-musicologica, nella scuola e nei settori dell’interpretazione e della composizione musicale, gli obiettivi del Master comprendono:

  • lo studio degli aspetti storici e storiografici che hanno caratterizzato la nascita e lo sviluppo della disciplina teorico-analitica;
  • l’approfondimento di conoscenze teorico-pratiche relative alla concezione formale e alla scrittura armonico-contrappuntistica modale e tonale;
  • lo studio delle principali metodologie analitiche utilizzate nella musica colta occidentale e presenti nella letteratura musicologica internazionale sia dal punto di vista teorico sia attraverso esercitazioni pratiche, stage e seminari;
  • lo sviluppo delle conoscenze e l’approfondimento degli studi sul rapporto tra analisi musicale, prassi esecutive e interpretazione musicale;
  • lo studio delle metodologie analitiche sviluppate in repertori specifici, quali le avanguardie e la sperimentazione musicale del Novecento, le tradizioni etniche, il jazz, la musica afroamericana e la popular music;
  • una introduzione ad alcuni settori specifici della ricerca teorico-analitica quali la semiotica, l’ermeneutica, i cultural studies, le teorie percettive e cognitive, nonché l’indagine sui repertori collegati alle nuove tecnologie informatiche.

Requisiti per l’ammissione

Possono presentare domanda di ammissione al Master coloro che, alla data di scadenza della presentazione della domanda, sono in possesso di uno dei seguenti titoli:

  • laurea conseguita ai sensi dei D.M. 509/99 e 270/2004;
  • diploma universitario di durata almeno triennale;
  • diploma di laurea conseguito secondo gli ordinamenti antecedenti al D.M. 509/99;
  • diploma di vecchio ordinamento rilasciato dai Conservatori o diploma accademico di I livello rilasciato dagli attuali Istituti di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM);
  • titolo di studio conseguito all’estero riconosciuto idoneo dal Consiglio di corso del Master ai fini dell’iscrizione al corso medesimo.

Nel caso di laurea, diploma universitario o titolo di studio equipollente non specificamente a carattere musicale o musicologico, il Consiglio Scientifico del Master dovrà valutare la specifica preparazione del candidato e la relativa ammissione al corso sulla base di una documentazione fornita dal candidato contenente il curriculum vitae, gli esami sostenuti nel proprio percorso formativo afferenti ai due settori scientifico disciplinari L-ART/07 e L-ART/08, i titoli di servizio (insegnamenti svolti, contratti e eventuali supplenze) e l’elenco delle eventuali pubblicazioni realizzate nei settori della musicologia storica e sistematica.

Potrà essere ammesso alla selezione il candidato che indicherà, con data certa, il conseguimento del titolo richiesto entro trenta giorni dalla scadenza della domanda di partecipazione. In quest'ultima ipotesi, il conseguimento del titolo sarà confermato al momento dell'iscrizione, pena l'esclusione dalla graduatoria e il conseguente scorrimento della stessa.

L’iscrizione al Master è incompatibile con l’iscrizione ad altri corsi di studio. Su motivata richiesta da parte del candidato il Consiglio Scientifico del Master può concedere allo stesso candidato di seguire i corsi secondo una modalità part-time, prevedendo una durata biennale ovvero una diversa periodizzazione degli esami e delle prove da sostenere. In particolare gli studenti iscritti presso uno degli Istituti di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM) potranno iscriversi al Master prevedendo un piano di studi biennalizzato, a seguito del DM del 28 settembre 2011 che disciplina le modalità per la contemporanea iscrizione a corsi di studio presso le Università e presso i Conservatori Statali.

Accordi, collaborazioni e Borse di Studio

Il Master prevede dei rapporti di collaborazione con altre Istituzioni, Associazioni e Enti di ricerca. Tali collaborazioni, se non specificamente indicato, non prevedono interventi sulla gestione amministrativa ed economica che rimane di pertinenza unica dell’Università della Calabria.
Le collaborazioni previste riguardano generalmente l’utilizzazione di spazi per lo svolgimento di lezioni, seminari e stage, come anche la disponibilità a far partecipare gli studenti del Master a loro attività didattiche e seminariali. Ulteriori collaborazioni dello stesso tipo potranno essere richieste dal Direttore e dal Consiglio Scientifico del Master.
In particolare alle Fondazioni, alle Università e agli Istituti di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM) verrà richiesta l’attivazione, con modalità e criteri stabiliti in autonomia, di specifiche Borse e Premi di Studio per studenti meritevoli intenzionati ad iscriversi al Master, ovvero la collaborazione alla realizzazione degli Incontri di Studio previsti.
Per questa edizione del Master sono state messe a disposizione otto Borse di Studio: due dalla Fondazione Istituto Liszt, una dalla Fondazione Isabella Scelsi, due dalla Fondazione Antonio Manes (rivolte a residenti in Provincia di Cosenza) e tre (di cui una dedicata a giovani di età inferiore a 26 anni) dal Gruppo Analisi e Teoria Musicale. I bandi di queste borse e le altre informazioni utili alla compilazione delle domande verranno inserite sul sito web del Dipartimento di Studi Umanistici e su quello del GATM Gruppo Analisi e Teoria Musicale (http://www.gatm.it).

Attività formativa

Il piano di studi del Master prevede 1500 ore di attività formativa e di studio individuale, che consentono l’acquisizione di 60 CFU. L’attività formativa è articolata in:

  • 336 ore (42 CFU)di didattica in modalità blended, di cui: 124 ore in modalità e-learning [a distanza con l’uso di dispense] e 212 ore di lezioni frontali in presenza, su piattaforma e/o videoconferenza, integrate da attività di studio individuale e guidato (714 ore);
  • 300 ore (12 CFU) di progetti finalizzati, seminari e stages presso strutture specializzate convenzionate, di cui 30 ore su piattaforma e/o videoconferenza;
  • 150 ore (6 CFU) per la tesi finale.

Si specifica che in considerazione dell’importanza data in sede di progettazione del Master allo studio della letteratura musicologica di carattere analitico-teorico, per alcuni insegnamenti è stato previsto un numero di ore di didattica a distanza con l’uso di dispense maggiore di quello previsto all’Art. 4 del Regolamento dell’Ateneo. Le attività formative saranno svolte da professori e ricercatori universitari di ruolo, italiani e stranieri, da docenti degli Istituti di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM) e da esperti esterni specialisti negli insegnamenti previsti nel piano di studio. I docenti degli Istituti AFAM e gli esperti esterni saranno indicati dal Gruppo di Analisi e Teoria Musicale (GATM). Tutti gli insegnamenti afferiscono al SSD L-ART/07 ad eccezione degli insegnamenti 8 e 9 che afferiscono al SSD L-ART/08.

Il piano di studio ha la seguente articolazione:

1) Teoria e pratica della scrittura armonico-contrappuntistica (4 CFU) [Prof. Catello Gallotti, Conservatorio di Salerno, 32 ore compless.]

2) Teoria e analisi della forma (5 CFU) [Parte generale: Prof. Egidio Pozzi, Università della Calabria, 3 CFU, 26 ore compless.; Parte monografica: Prof. Antonio Grande, Conservatorio di Como, 2 CFU, 14 ore compless.]

3) Analisi schenkeriana (6 CFU) [Principi fondamentali e tecniche analitiche: Prof. Egidio Pozzi, Università della Calabria, 4 CFU, 32 ore compless.; Approfondimenti: Prof. Giorgio Sanguinetti, Università Tor Vergata Roma, 2 CFU, 16 ore compless.]

4) Approfondimenti metodologici (4 CFU) [Partimenti e schemi galanti: Prof. Giorgio Sanguinetti, Università Tor Vergata Roma, 2 CFU, 16 ore compless.; Teorie neo-rioemanniane: Prof. Antonio Grande, Conservatorio di Como, 2 CFU, 16 ore compless.]

5) Pitch-class set theory e analisi della musica post tonale (6 CFU) [Parte I (Primo ‘900 e Schönberg): Prof. Massimiliano Locanto, Università di Salerno, 2 CFU, 16 ore compless.; Parte II (La teoria e le tecniche insiemistiche): Prof.ssa Susanna Pasticci, Università di Cassino, 2 CFU, 16 ore compless.; Parte III (Stravinsky): Prof. Massimiliano Locanto, Università di Salerno, 2 CFU, 16 ore compless.]

6) Teorie percettive e cognitive (3 CFU) [Aspetti generali: Prof. Mario Baroni, Università di Bologna, 2 CFU, 16 ore compless.; Parte monografica (La teoria di Lerdahl e Jackendoff): Prof. Duilio D’Alfonso, Conservatorio di Latina, 1 CFU, 8 ore compless.]

7) Analisi ed esecuzione (4 CFU) [Prof.ssa Rossana Dalmonte, Università di Trento, 32 ore compless.]

8) La performance al centro: analisi e etnomusicologia (5 CFU) [Parte generale: Prof. Ignazio Macchiarella, Università di Cagliari, 3 CFU, 24 ore compless.; Parte monografica: Prof. Marco Lutzu, Università Ca' Foscari di Venezia, 2 CFU, 16 ore compless.]

9) Analisi delle tradizioni afroamericane e della popular music (5 CFU) [Parte I (Introduzione all’analisi della popular music): Prof. Roberto Agostini, Istituto Comprensivo 9 Bologna, 2 CFU, 16 ore compless.; Parte II (Jazz e tradizioni afroamericane): Prof. Marcello Piras, 2 CFU, 16 ore compless.; Parte III (Monografica): Prof. Alessandro Bratus, Università di Pavia, 1 CFU, 8 ore compless.]

10) Progetti finalizzati, seminari e stage (12 CFU, 300 ore compless.) [Prof. Egidio Pozzi, Università della Calabria; Prof. Antonio Rostagno, Università di Roma La Sapienza; Prof.ssa Ingrid Pustijanac, Università di Pavia; Prof. Massimiliano Locanto, Università di Salerno; Prof. Marco Mangani, Università di Ferrara; Prof.ssa Rossana Dalmonte, Fondazione Istituto Liszt; Prof. Luca Marconi, Conservatorio di Pescara; Prof. Mario Baroni, Università di Bologna; Prof. Lelio Camilleri, Conservatorio di Bologna]

11) Tesi finale (6 CFU).

Durata del Master, periodi, incontri di studio e sedi di svolgimento

Il Master avrà inizio nel mese di Febbraio 2016 e terminerà nel Febbraio 2017. Le attività didattiche, i progetti finalizzati, i seminari e gli stage saranno tenuti presso l’Università della Calabria e presso le sedi delle Associazioni e delle Istituzioni che collaborano all’organizzazione del Master secondo il seguente programma indicativo:

a) Primo Incontro (Stage, Lezioni frontali e Progetti finalizzati) – Febbraio 2016, presso il Conservatorio Statale di Musica di Salerno (Salerno, via S. De Renzi, 62);

b) Secondo Incontro (Stage, Lezioni frontali, Seminario e Progetti finalizzati) – Marzo 2016, presso Fondazione Istituto Liszt Onlus (Bologna, via Augusto Righi 30) in collaborazione con l’Istituto Superiore di Studi Musicali “G. Lettimi”;

c) Terzo Incontro (Lezioni frontali, Stage e Seminari) –Aprile 2016, Conservatorio Statale di Musica di Como (Como, via Cadorna, 4);

d) Quarto Incontro (Stage, Lezioni frontali, Seminario e Progetti finalizzati) – Maggio 2016, presso Conservatorio Statale di Musica di Latina (Via Ezio 32) o Istituzione da definire;

e) Quinto Incontro (Lezioni frontali e Progetti finalizzati) – Giugno 2016 presso Università della Calabria o Università di Cagliari o Istituzione da definire);

f) Sesto Incontro (Lezioni frontali, Progetti finalizzati e Seminario) – Settembre 2016, presso Università degli Studi di Roma La Sapienza (Piazzale Aldo Moro 5) e Fondazione Isabella Scelsi (Roma, Via San Teodoro 8) o Istituzione da definire .

La frequenza da parte degli iscritti alle varie attività di pertinenza del Corso è obbligatoria. Per il conseguimento del titolo è comunque richiesta una frequenza pari almeno all'80% della durata complessiva del Corso.

Riconoscimento crediti

Possono essere riconosciuti come crediti acquisiti ai fini del completamento del Master, con corrispondente riduzione del carico formativo dovuto, le attività svolte in Corsi di perfezionamento organizzati dall’Università della Calabria, da altre Università, dai Conservatori, dagli Istituti AFAM o da Enti pubblici di ricerca per le quali esista idonea attestazione. La misura del riconoscimento, comunque non superiore a 12 crediti, dipende dall'affinità e comparabilità delle suddette attività. La domanda intesa ad ottenere il riconoscimento di tali attività formative deve essere presentata all’atto dell'iscrizione.
Alla stessa dovrà essere allegata certificazione (o autocertificazione) attestante le attività formative svolte. Coloro i quali abbiano svolto dette attività presso altra Università o presso gli Istituti precedentemente elencati sono tenuti inoltre ad allegare i relativi programmi. Il riconoscimento delle attività formative precedentemente svolte compete al Consiglio Scientifico del Master. 

Titolo finale

Agli iscritti, che avranno superato la prova finale, verrà rilasciato il titolo di Master universitario di primo livello in “Analisi e Teoria Musicale” del valore di 60 CFU.
La certificazione del titolo finale comprende:

  • il totale dei crediti acquisiti;
  • l'indicazione dell'eventuale curriculum;
  • la valutazione finale, espressa in 110-mi.

Il titolo sarà firmato dal Rettore e dal Direttore del Master, e verrà rilasciato dagli uffici competenti.

Sede e organi del Master

Autonomia e Sede

Il Master ha autonomia didattica, scientifica ed organizzativa. La sede del Master sarà presso il Dipartimento di Studi Umanistici della Università della Calabria.

Direttore del Master

Prof. Egidio Pozzi  

Comitato proponente

Prof.ssa Adele Coscarella, Dott.ssa Ornella Scognamiglio, Prof. Egidio Pozzi

Consiglio Scientifico

Il Consiglio Scientifico è composto dal Direttore del Master, dai docenti coinvolti e da un rappresentante delle Istituzioni, degli Enti di ricerca e delle Associazioni che collaborano alla realizzazione.

Costi di iscrizione e numero candidati ammessi

Al Master verranno ammessi un massimo di 40 candidati e non sarà attivato se non si raggiungerà un minimo di 14 candidati.

La quota di iscrizione di € 1500,00 può essere versata in un’unica soluzione all’atto del perfezionamento dell’iscrizione o in due rate:

  • I rata di € 750,00 contestualmente all’iscrizione; II rata di € 750,00
  • Uditori: € 350,00 I rata; € 350,00 II rata

 

Informazioni

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. ; This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  ; This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
FaLang translation system by Faboba