Il Convegno Internazionale di Analisi e Teoria Musicale, giunto alla sua XII edizione, propone due tavole rotonde e cinque sessioni di studio dedicate alla ricerca teorico-analitica e all’approfondimento su diversi repertori della tradizione occidentale. Mentre le tre sessioni iniziali – la prima sulle tecniche del contrappunto e della tonalità, la seconda e la terza sui diversi repertori del Novecento – rappresentano quasi una sorta di continuità all’interno dei nostri convegni, le altre sessioni affronteranno dei temi specifici. Nella quarta si affronterà il rapporto tra analisi musicale e didattica, mentre l’ultima sessione è dedicata ad alcuni aspetti teorici e metodologici riguardanti i repertori colti occidentali.

Scarica il programma completo in formato .pdf

La prima delle due tavole rotonde del Convegno si concentra su uno degli aspetti più attuali della riforma dei Conservatori ovvero sullo sviluppo della ricerca nelle istituzioni di Alta Formazione Artistica e Musicale. Nonostante la legge di riforma dei Conservatori abbia esteso le funzioni dei nuovi istituti AFAM anche agli ambiti della specializzazione e della ricerca, solo da qualche anno è iniziata la riflessione su questi argomenti, anche in considerazione della possibile attivazione del terzo livello della formazione artistica. Il GATM intende contribuire a questo dibattito non solo stimolando il confronto tra il mondo artistico e quello accademico, dove la formazione e la ricerca musicologica hanno una storia ormai consolidata, ma anche sviluppando un confronto sui criteri e sulle specifiche attività che potrebbero riguardare la ricerca artistica. In tal senso la Tavola rotonda intende richiamare l’attenzione dei partecipanti sulle diverse fasi della ricerca: l’indagine storica, musicologica o d’archivio, lo studio e l’elaborazione analitica, la produzione artistica e, infine, la diffusione e la pubblicazione dei risultati.

La tavola rotonda che conclude il nostro Convegno, dal titolo La poesia di Hölderlin e le avanguardie musicali europee, è stata organizzata in occasione dell’esecuzione dell’Hyperion di Maderna la cui “prima” è prevista nella serata di sabato 26 settembre. L’Hyperion è un romanzo epistolare scritto nell’ultimo decennio del Settecento da Friedrich Hölderlin. Maderna fu così colpito dalla lettura di quel romanzo nei confronti del quale aveva evidentemente intuito complesse e misteriose assonanze, che nel corso degli anni Sessanta vi si ispirò più volte in una quasi incredibile serie di occasioni musicali: se ne contano quattro sceniche, undici sinfoniche e due sinfonico-corali.

L’Archivio Maderna dell’Università di Bologna possiede l’intera serie dei nastri registrati sopravvissuti fino a oggi e contenenti la prima esecuzione di quelle opere, diretta dall’autore. Abbiamo pensato che fosse necessario aggiungere all’esecuzione di Hyperion anche una manifestazione che collocasse l’esecuzione nel suo più ampio contesto storico. Hölderlin, dopo lo straordinario decennio maderniano, è diventato una specie di simbolo per la Musica Nuova, nel senso che ha dato vita a una stupefacente serie di incontri fra la sua poesia e la fantasia di molti dei più famosi musicisti di quegli anni. È appunto a questo fenomeno che verrà dedicato l’incontro previsto per la mattina di Domenica 27 Settembre a cui parteciperanno specialisti di Hölderlin e studiosi della musica del dopoguerra: essi cercheranno di spiegare le ragioni delle misteriose assonanze fra un poeta e musicisti che vissero a distanza di quasi due secoli da lui.

Il Convegno è riservato agli iscritti del G.A.T.M., agli studenti e ai docenti dell'Istituto Lettimi. L’iscrizione al G.A.T.M. coincide con l’abbonamento annuale alla Rivista di Analisi e Teoria Musicale e si può effettuare sul sito del G.A.T.M. (http://www.gatm.it/), su quello della LIM (http://www.lim.it/) o, nei giorni del Convegno, presso l'Istituto Lettimi. Da giovedì pomeriggio sarà attiva una Segreteria per l'accoglienza dei partecipanti, per l'iscrizione all'Associazione e per richiedere l'Attestato di partecipazione; inoltre nei giorni del Convegno sarà allestito un banco libri dove acquistare le nostre pubblicazioni.

Comitato Scientifico del Convegno

Mario Baroni, Alessandro Bratus, Domenico Colaci, Rossana Dalmonte, Gian Luca Gardini, Ignazio Macchiarella, Enrico Meyer, Susanna Pasticci, Egidio Pozzi, Lorenzo Rinaldi, Giorgio Sanguinetti.

Attestato di Partecipazione

Chi desidera l’Attestato di partecipazione, che sarà rilasciato al termine dei lavori, dovrà preventivamente richiederlo alla Segreteria del Convegno al momento dell’iscrizione.

Autorizzazione Ministeriale

Per i lavori del Convegno è stata richiesta al Ministero dell’Università e della Ricerca l’autorizzazione all’esonero dal servizio per i docenti.

Facilitazioni

Convenzioni con hotel possono essere richieste alla Segreteria dell'Istituto Musicale "G. Lettimi".

Sede del convegno

Istituto Superiore di Studi Musicali “G. Lettimi”
Via Cairoli, 44 – 47923 Rimini
Tel. 0541 793840 - Fax 0541 793849
Sito web: www.istitutolettimi.it
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FaLang translation system by Faboba

ANVUR luglio 2018: INSERIMENTO DELLA NOSTRA RIVISTA DI ANALISI E TEORIA MUSICALE TRA LE RIVISTE DI CLASSE A

La RIVISTA DI ANALISI E TEORIA MUSICALE (RATM) è stata inclusa dall'ANVUR nell'elenco delle riviste di CLASSE A per l'Area 10 Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche. L'aggiornamento è stato pubblicato sul sito dell'ANVUR il 31 Ottobre 2018 ed è attivo da Luglio 2018.

La Rivista di Analisi e Teoria Musicale è una rivista peer reviewed fondata nel 1994 dal GATM. Sulla rivista sono pubblicati studi in lingua italiana e inglese, dedicati all'analisi di repertori e pratiche musicali di ogni periodo storico, genere, stile e provenienza geografica.

La Rivista pubblica articoli originali, caratterizzati da ampiezza di articolazione e analisi critica, completezza delle fonti e rigore dell'informazione bibliografica; comprende inoltre una sezione dedicata a brevi interventi sulla didattica dell'analisi e una rubrica di recensioni. Oltre ad accogliere le proposte degli studiosi, la Rivista promuove la pubblicazione di volumi monografici dedicati a questioni teoriche e metodologiche di particolare rilievo nel panorama degli studi internazionali.