«Melodia semplice, ritmo chiaro»?  Alcune (ri)considerazioni sul tòpos del crescendo rossiniano

Federico Gon

Il crescendo rossiniano è una sorta di “marchio di fabbrica” del suo autore, un espediente copiato – e abusato – da generazioni di compositori successivi perché considerato di facile imitazione e di sicuro impatto sugli ascoltatori. In realtà, il procedimento che permette la riuscita del crescendo “alla Rossini” è ben più sottile e ingegnoso di quanto si pensi, e per niente in linea con la famosa massima “me­lodia semplice – ritmo chiaro” con cui egli stesso etichettò il suo modus operandi compositivo. Partendo da una ricognizione dei contributi di altri studiosi (primo tra tutti, Philip Gossett), questo articolo propone un’analisi approfondita delle caratteristiche funzionali del crescendo rossiniano, mettendo in luce i tratti che lo diversificano sia dai suoi antecedenti storici (come il crescendo “mannheimer”), sia dagli usi di altri autori contemporanei come Stefano Pavesi, Ferdinando Paër, Jo­hann Simon Mayr e Giuseppe Mosca. Vengono inoltre rintracciati alcuni modelli che potrebbero aver ispirato i procedimenti di Rossini nell’ambito dell’opera italiana e della Wiener Klassik di Wolfgang Amadeus Mozart e, soprattutto, di Joseph Haydn.

FaLang translation system by Faboba

ANVUR luglio 2018: INSERIMENTO DELLA NOSTRA RIVISTA DI ANALISI E TEORIA MUSICALE TRA LE RIVISTE DI CLASSE A

La RIVISTA DI ANALISI E TEORIA MUSICALE (RATM) è stata inclusa dall'ANVUR nell'elenco delle riviste di CLASSE A per l'Area 10 Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche. L'aggiornamento è stato pubblicato sul sito dell'ANVUR il 31 Ottobre 2018 ed è attivo da Luglio 2018.

La Rivista di Analisi e Teoria Musicale è una rivista peer reviewed fondata nel 1994 dal GATM. Sulla rivista sono pubblicati studi in lingua italiana e inglese, dedicati all'analisi di repertori e pratiche musicali di ogni periodo storico, genere, stile e provenienza geografica.

La Rivista pubblica articoli originali, caratterizzati da ampiezza di articolazione e analisi critica, completezza delle fonti e rigore dell'informazione bibliografica; comprende inoltre una sezione dedicata a brevi interventi sulla didattica dell'analisi e una rubrica di recensioni. Oltre ad accogliere le proposte degli studiosi, la Rivista promuove la pubblicazione di volumi monografici dedicati a questioni teoriche e metodologiche di particolare rilievo nel panorama degli studi internazionali.