Notizie sugli autori

- pag. 177-179

Christopher Brody
Ricercatore di teoria musicale alla Eastman School of Music (Rochester, New York), ha insegnato anche alla Jacobs School of Music dell’Indiana University. Ha conseguito un dottorato in teoria musicale alla Yale University nel 2013, con una dissertazione sulle suite per tastiera di J. S. Bach, e un diploma di Doctor in Musical Arts in esecuzione pianistica alla University of Minnesota. Le sue ricerche investono il rapporto tra struttura e stile nella musica barocca, e la forma musicale dal diciottesimo al ventesimo secolo. Ha presentato relazioni in vari convegni nazionali e internazionali, e un suo articolo dal titolo Parametric Interaction in Tonal Repertoires è in corso di pubblicazione in «Journal of Music Theory».

Alessandro Cecchi
Ricercatore in musicologia all’Università di Pisa. I suoi principali ambiti di ricerca sono le teorie della musica, l’estetica musicale, le sinfonie di Bruckner e Mahler, la teoria, la storia e l’analisi della musica per film e della performance musicale. Ha pubblicato articoli nelle riviste «Studi musicali», «Il Saggiatore musicale», «Musica/Tecnologia», «Music, Sound and the Moving Image» e numerosi saggi, tra cui quello in corso di pubblicazione nel volume Rethinking Mahler (Oxford University Press). È membro del comitato di redazione della rivista «Analitica» e del comitato scientifico del Gruppo di Analisi e Teoria Musicale (GATM). Collabora con l’Istituto per la Musica della Fondazione Giorgio Cini (Venezia), presso il quale è membro del comitato scientifico della rivista online «Archival Notes».

Joel Galand
Direttore dei Graduate Studies e coordinatore di Music Theory alla Florida International University. La sua ricerca si focalizza sulla forma musicale, sulla teoria schenkeriana e sulla musica di Kurt Weill. I suoi lavori sono stati pubblicati in «Music Theory Spectrum», «Journal of Music Theory», «Intégral», «Current Musicology», «Notes», The Kurt Weill Edition, e nelle collane Oxford Handbook e International Schenker Symposium. È stato direttore del «Journal of Music Theory». Attualmente è membro dei comitati editoriali della Kurt Weill Edition e della rivista «Music Theory Spectrum».

Jason Hooper
Dottorando in teoria musicale alla City University di New York e ricercatore alla University of Massachusetts Amherst. La sua ricerca si focalizza sui cambiamenti dell’approccio di Heinrich Schenker alla forma musicale nel corso della sua evoluzione teorica. Ha presentato relazioni ai convegni Seventh International Conference on Music Theory (Tallinn, Estonia), European Music Analysis Conference (Leuven, Belgio) e Annual Meeting of the Society for Music Theory (Milwaukee, Wisconsin). Suoi lavori sono stati pubblicati in «Theory and Practice» e «Journal of the American Musicological Society».

Steven D. Mathews
Dottorando in teoria musicale alla University of Cincinnati. La sua ricerca riguarda l’analisi schenkeriana della forma sonata senza ripresa. Su questo argomento ha presentato relazioni ai convegni European Music Analysis Conference (Leuven, Belgium) e Mannes College’s Third Graduate Student Conference (New York). Ha relazionato anche su altri argomenti – le linee di basso in Tomás Luis de Victoria, i concerti di Alexander Glazunov, la pedagogia schenkeriana – agli incontri nazionali e regionali della Society for Music Theory. Sue recensioni di letteratura neo-riemanniana e schenkeriana sono pubblicate in «Notes», «Music Research Forum» e «Indiana Theory Review».

Nicolas Meeùs
Professore emerito all’Université Paris-Sorbonne. Per venti anni è stato ricercatore al Museo degli strumenti musicali di Bruxelles, che ha diretto fino al 1995. Ha diretto il Dipartimento di musica della Sorbona (1999-2004) e il gruppo di ricerca Langages musicaux (1998-2008). È membro fondatore della Société Belge d’Analyse Musicale (SBAM), membro del consiglio d’amministrazione della So- ciété Française d’Analyse Musicale (SFAM) e direttore della rivista «Musurgia». Ha tenuto relazioni nell’ambito degli EuroMAC e in molti altri convegni internazionali. Le sue numerose pubblicazioni riguardano l’organologia, la storia delle teorie musicali e l’analisi musicale. Ha tradotto l’edizione francese di Der freie Satz di Schenker.

Marc Rigaudière
Maître de conférences alla Université Paris-Sorbonne e membro dell’Institut de recherche en musicologie (IReMus, Parigi). Il suo ambito di specializzazione è la storia della teoria musicale (secoli XVIII-XX); su questo tema ha pubblicato la monografia La théorie musicale germanique du XIXe siècle et l’idée de cohérence (Société française de musicologie, 2009) e presentato relazioni a numerosi convegni internazionali. Ha pubblicato varie edizioni critiche, tra cui le due versioni del Requiem di Fauré (Carus-Verlag, Stuttgart 2005 e 2011), e sta completando un volume sulla musica di Gounod. Ha curato vari numeri dei «Cahiers Rémois de Musicologie».

Frank Samarotto
Professore associato di teoria musicale alla Indiana University di Bloomington. È stato direttore di un Workshop presso il Mannes Institute for Advanced Studies in Music Theory (Summer Institute in Schenkerian Theory and Analysis, 2002), e del primo convegno dedicato alla teoria e all’analisi schenkeriana in Germania (Berlino, Sauen e Mannheim 2004). Ha tenuto seminari sulla condotta delle voci e sul tempo musicale alla Sibelius Academy di Helsinki (2007) e relazioni, come Endowed Chair, alla University of Alabama (2016). I suoi lavori sono stati pubblicati in prestigiose collane e riviste tra cui Schenker Studies 2, «Beethoven Forum», «Theory and Practice», «Music Theory Spectrum», «Music Theory Online», «Intégral»; sta lavorando a un libro sulla teoria e l’analisi schenkeriana.