Notizie sugli autori

- pag. 227-229

Alessandro Bratus
Ha conseguito il Dottorato di Ricerca nel 2009 presso l’Universita? di Pavia, dove e? attualmente ricercatore a tempo determinato in popular music. Le sue attivita? di insegnamento e ricerca sono concentrate sugli approcci analitici alla musica e ai media audivisivi nella popular culture anglo-americana e italiana dagli anni Sessanta in avanti. Le sue pubblicazioni riguardano in particolare i linguaggi sperimentali nei media e nella popular music, le relazioni strutturali tra forma e significato, e il tropo dell’auntenticita? nella comunicazione mediale contemporanea. Attualmente e? membro del Comitato scientifico del GATM e direttore di «Analitica: Rivista online di studi musicali».

Vincenzo Caporaletti
Insegna Musicologia generale e Musicologia transculturale presso l’Universita? di Macerata, e Analisi del jazz al Conservatorio “S. Cecilia” di Roma. Come chitarrista, e? stato esponente del progressive rock italiano col gruppo Pierrot Lunaire, e in ambito jazz ha collaborato per vari anni, tra gli altri, con il Tony Scott Quartet; e? stato inoltre docente di chitarra classica in vari istituti musicali italiani. Come musicologo, ha pubblicato oltre venti monografie scientifiche, in gran parte dedicate alla Teoria della Formativita? Audiotattile.

John Covach
Direttore dell’Institute for Popular Music presso la University of Rochester, e professore di Teoria musicale alla Eastman School of Music. Ha pubblicato numerosi articoli su vari argomenti relativi alla popular music. E? il principale autore del manuale universitario What’s That Sound? An Introduction to Rock Music (Norton, 2006), e ha collaborato alla curatela dei volumi Understanding Rock Music: Essays in Musical Analysis (Oxford University Press, 1997) e Sounding Out Pop: Analytical Essays in Popular Music (University of Michigan Press, 2010). Come chitarrista, ha tenuto molti concerti negli Stati Uniti e in Europa.

Philippe Gonin
Ricercatore all’Universite? de Bourgogne, compositore e arrangiatore; la sua attivita? di ricerca si concentra sull’analisi della popular music. Ha pubblicato libri sui Pink Floyd, Magma e The Cure, e ha curato i volumi Focus sur le rock en France: analyser les musiques actuelles (Delatour, 2014) e Prog rock in Europe: Overview of a persistent musical style (EUD, 2016). E? membro del Centre Georges-Chevrier (UMR CNRS 7366).

Dietrich Helms
Professore di Storia della musica all’Universita? di Osnabru?ck, e vice-direttore dell’Institut fu?r Musikwissenschaft und Musikpa?dagogik. Ha studiato musicologia, sociologia e letteratura inglese alle universita? di Mu?nster, Oxford e East Anglia. Dal 2005 al 2016 e? stato co-direttore della German Society for Popular Music Studies (un tempo ASPM), e dal 2001 al 2016 ha diretto la rivista annuale «Beitra?ge zur Popularmusikforschung». I suoi interessi di ricerca comprendono la musica come sistema comunicativo, l’iconografia della musica, la musica nel contesto della Prima guerra mondiale, la musica rinascimentale inglese, la popular music e le forme del teatro musicale popular (specialmente quelle dedicate a bambini e adolescenti).

Stefano La Via
Ha compiuto gli studi musicologici presso le universita? “Sapienza” di Roma (Laurea in Lettere) e Princeton (MFA, PhD in Musicology). Attualmente e? professore associato di Storia della poesia per musica e di Storia della canzone d’autore presso il Dipartimento di Musicologia e beni culturali di Cremona (Universita? di Pavia). Ha svolto ricerche e pubblicato numerosi saggi sul rapporto fra poesia e musica in varie epoche storiche, dal medioevo a oggi, con particolare riferimento al madrigale italiano del xvi secolo, al dramma per musica sei-settecentesco e alla canzone d’autore in Europa, Brasile, USA.

Max Paddison
Professore emerito di Estetica musicale presso il Dipartimento di Musica della Durham University (UK) e Membro associato del Dipartimento di Filosofia della stessa Universita?. I suoi interessi di ricerca si concentrano negli ambiti della teoria critica, dell’estetica e della sociologia della musica. Ha pubblicato i volumi Adorno’s Aesthetics of Music (University Press, 1993) e Adorno, Modernism and Mass Culture (Kahn & Averill, 1996). Insieme a Ire?ne Delie?ge, ha curato il volume Contemporary Music: Theoretical and Philosophical Perspectives (Ashgate, 2010).

Timothy D. Taylor
Professore al Dipartimento di Etnomusicologia della University of California (Los Angeles). Ha pubblicato i volumi Global Pop: World Music, World Markets (Routledge, 1997), Strange Sounds: Music, Technology and Culture (Routledge, 2001), Beyond Exoticism: Western Music and the World (Duke University Press, 2007), The Sounds of Capitalism: Advertising, Music, and the Conquest of Culture (University of Chicago Press, 2012), Music and Capitalism: A History of the Present (University of Chicago Press, 2016). Il suo ultimo libro, Music in the World: Selected Essays, sara? pubblicato nei primi mesi del 2017.