Home » Il GATM » Verbale Assemblea Annuale 2021

Verbale Assemblea Annuale 2021

Piattaforma zoom, 13 Giugno 2021

Il giorno 13 giugno 2021, alle ore 11:00, si è riunito in videoconferenza l’Assemblea annuale dei Soci del GATM, su piattaforma ZOOM. Ordine del giorno:

1. Bilancio consuntivo 2020 e bilancio preventivo 2021;

2. stato e attività dell’Associazione (con relazione del Presidente e dei responsabili delle varie attività);

3. elezione del Comitato Scientifico e del Collegio dei Sindaci per il triennio 2021-2023

4.varie ed eventuali.

In attesa del collegamento dei partecipanti, sollecitato da domande, il Presidente inizia chiarendo le modalità e gli orari per la votazione che si terrà online su piattaforma “VotaFacile”, dalle ore 14:00 alle ore 22:00.

L’Assemblea inizia alle ore 11:20. Presiede il Presidente Egidio Pozzi, verbalizzante il Segretario Fabio De Sanctis De Benedictis. Pozzi ricorda ai presenti che le elezioni dei nuovi organismi dirigenti (il punto 3 dell’odg) si svolgeranno nel pomeriggio dalle ore 14 circa alle ore 22 e comunica che alle ore 21:45 sarà possibile connettersi su ZOOM, con le stesse credenziali, per i risultati in diretta delle votazioni. Su specifica indicazione del Comitato Scientifico il punto 3 verrà gestito da una Commissione Elettorale composta da Egidio Pozzi, Mario Baroni e Francesco Magarò, che hanno nei giorni precedenti istruito la piattaforma scelta per le elezioni e che svolgeranno anche una funzione informativa per gli eventuali problemi e necessità del voto. Alla fine della procedura delle votazioni la Commissione redigerà un verbale che sarà inserito nel Verbale dell’Assemblea. Viene chiesta ai presenti la disponibilità per la registrazione della riunione, che viene concessa all’unanimità. Nel corso della riunione si raggiunge la quota di 65 persone connesse, a cui si devono aggiungere le 22 deleghe.

 

Si passa a discutere il punto 1 dell’ordine del giorno: bilancio consuntivo 2020 e bilancio preventivo 2021.

Il Presidente inizia a descrivere il bilancio consuntivo, illustrando le iscrizioni avvenute nel 2020, ricordando la differenza ora vigente tra abbonati e soci. Passa poi a descrivere le varie voci di bilancio e i relativi importi. Alla fine chiede se ci siano domande in merito. Seguono interventi su vari punti del bilancio consuntivo (Allegato 1)

Anna Maria Bordin, per il Collegio dei Sindaci ricorda come il D.M. 183/2020 preveda facilitazioni e deroghe per il terzo settore, causa covid, specificamente per le Associazioni culturali non a scopo di lucro, anche e soprattutto per le questioni contabili. Aggiunge che il Collegio dei Sindaci ha preso atto del bilancio consuntivo presentato e dichiara di aver rilevato la corrispondenza tra le voci di entrata e di uscita. Invita a migliorare il sistema di archiviazione dei dati.  Procede alla lettura del verbale (Allegato 2). Johannella Tafuri e Anna Rita Addessi, sempre per il Collegio dei Sindaci, concordano sul documento e sul giudizio positivo.

Catello Gallotti chiede perché al numero di iscrizioni si sia anteposto un “circa”, che non fa capire se siano iscrizioni reali oppure no. Pozzi chiarisce che in base alle diverse modalità di iscrizione pregresse, e tuttora praticate da alcuni iscritti, non sempre sia chiaro risalire al tipo di iscrizione effettuata, soprattutto nel caso di importi provenienti dal conto bancario. Tafuri suggerisce di chiedere alle Poste la ricevuta con la causale di versamento, da cui risulti il tipo di abbonamento o iscrizione. Esprime anche alcune perplessità sui limiti del conto postale, probabilmente ancora quello aperto anni fa a Bologna, per il quale forse adesso possono esistere tipologie di conto più adatte all’attività dell’associazione.

Alessandra Montali chiede che il nuovo direttivo riveda lo Statuto affinché il ruolo operativo di Mario Baroni e Rossana Dalmonte sia ripristinato all’interno dell’associazione.

Silvano Mangiapelo riprende il discorso del conto, ricordando come, facendo seguito alle parole di Pozzi, anche PayPal preveda la possibilità di interagire con i suoi operatori in caso di difficoltà. Riferendosi invece all'intervento di Montali propone di pensare a una carica di presidenza onoraria per Dalmonte e Baroni.

Mario Baroni interviene puntualizzando che quando ha affermato che il suo mandato scadeva, per Statuto, non era solo un fatto formale, ma lo intendeva anche sostanzialmente, ritenendo giusto passare il testimone ad altri alla guida dell’associazione.

Gallotti riprende il punto relativo al contratto con la LIM, specificando, se ricorda bene, come esso preveda che i singoli articoli della rivista debbano essere venduti solo sul sito del GATM. Segnala però che sul sito della LIM ci sono in vendita articoli singoli della RATM, tra l’altro a un prezzo inferiore a quello praticato dal GATM. Chiede che il nuovo Comitato Scientifico provveda in tal senso.

Pozzi legge il contratto e fa presente che esso prevede che sia la LIM sia il GATM possano vendere singoli articoli, secondo tariffe concordate. È d’accordo sul fatto che il prossimo Direttivo operi per uniformare il costo dell’articolo.

Si passa alla votazione del bilancio consuntivo, che viene approvato all'unanimità con zero astenuti.

Si passa all'esame del bilancio preventivo (Allegato 3) che viene illustrato e commentato dal Presidente punto per punto, chiedendo infine se ci siano domande o osservazioni. Il Presidente sottolinea il carattere puramente formale del Bilancio preventivo.

Baroni osserva come siano previsti 80 iscritti e 30 abbonamenti. Tuttavia alla data odierna abbiamo 132 Soci, quindi chiede come mai questa previsione al ribasso. Pozzi risponde di essersi regolato sulla base del 2019, e che il bilancio preventivo è sempre per sua natura ipotetico. Tafuri osserva come un bilancio preventivo non sia facile, e partirebbe comunque dal bilancio consuntivo. Proprio per l’incertezza insita nel bilancio preventivo, è meglio tenersi sempre un po’ al di sotto delle aspettative.

Pozzi aggiunge che il nuovo Comitato dovrà prendere in considerazione la nuova legislazione che imporrà dei limiti molto precisi alle Associazioni, e chiede se si voglia modificare il bilancio preventivo, come suggerito da Baroni, innalzando le entrate per le quote di iscrizione e le relative spese di uscita. Bordin osserva come, con la congiuntura attuale, si siano ridotte le spese per i viaggi e gli spostamenti, che ritorneranno quando la situazione sarà ristabilita, quindi non è facile prevedere se ciò aumenterà o diminuirà le iscrizioni. Occorrerà immaginare anche delle situazioni ibride. Si esprime perciò a favore di una previsione un po’ più contenuta come quella proposta da Pozzi.

Antonio Grande, Direttore della RATM, propone di mettere in conto un piccolo contributo per un madrelingua che revisioni gli articoli scritti in lingua inglese. Gallotti concorda e chiede se il prossimo Comitato Scientifico sia strettamente vincolato al bilancio preventivo. Pozzi risponde che non c’è mai stato un vincolo ferreo. Gallotti allora chiede se sia possibile eliminare i contributi alla ricerca previsti dal bilancio preventivo. Pozzi risponde che in questo caso non è possibile perché all’epoca è stato fatto un bando di assegnazione con norme specifiche a cui hanno risposto un certo numero di richiedenti.

Baroni torna sul discorso del madrelingua, e ne ribadisce la necessità per due ragioni: se si ricevono articoli in lingua inglese occorre valutare anche il loro livello linguistico; un articolo può essere accettato sotto il lato linguistico, ma potrebbe dover essere modificato sotto altri aspetti.

Bordin avalla la proposta di un collaboratore linguistico, e sul bilancio preventivo si pronuncia a favore del fatto che esso possa anche essere smentito, ma abbia un valore documentario sulle cose da fare e le scelte da conseguire. È un documento che anche se non completamente attendibile sugli importi ha un suo valore sia rispetto alle attività che l’Associazione ha realizzato negli anni precedenti sia per quanto riguarda attività già messe in opera.

Dalmonte, richiamando l’importanza di avere un collaboratore linguistico, ruolo importante e pesante, si dichiara favorevole a votare comunque il bilancio preventivo così come presentato.

Pozzi dichiara che l’esigenza di un collaboratore linguistico esiste, ma auspica che ogni questione sia risolta contestualmente, senza avere un ruolo o degli obblighi specifici. In passato ci sono state molte situazioni diverse, che però hanno portato anche a sprechi e lavoro inutile (come quando abbiamo dovuto pagare la revisione della revisione perché l’autore non concordava con le correzioni del primo revisore); la soluzione prevista finora era valutare caso per caso. Consiglia di non mettere una voce in bilancio adesso, ma di porre la questione al prossimo Comitato Scientifico, in modo da poter valutare con calma la situazione migliore e economicamente percorribile. Tafuri ricorda come un collaboratore linguistico non corregga solo grammatica e sintassi, ma anche al forma, e quindi sia costoso. Deve essere a carico dell’autore: risulterà un testo su cui l’autore basa la sua carriera, quindi non può essere una spesa a carico della rivista. Giovanni Vacca interviene a favore del correttore linguistico, puntualizzando però che a volte deve fare poche cose, altre volte intervenire più pesantemente, quindi occorre stabilire bene un tariffario. Dovrebbe essere inglese o americano, in quanto spesso fa la differenza sulla qualità dell’articolo. Pozzi ricorda come queste decisioni, per poterle approfondire, attengano più al Comitato Scientifico che all’Assemblea, e Grande richiama l’attenzione sul come questi problemi siano già stati presi in carico dalla RATM.

Pozzi propone di passare alle votazioni del bilancio preventivo, così come proposto. Il Bilancio viene approvato all’unanimità, con zero astenuti.

 

 

Si passa alla discussione del punto 2 dell’ordine del giorno: stato e attività dell’Associazione (con relazione del Presidente e dei responsabili delle varie attività)

Pozzi riassume brevemente l’attività svolta come Presidente in questi ultimi nove anni. Il punto di riferimento è sempre stato l’Art. 3 dello Statuto, dove si descrivono precisamente le finalità e gli obiettivi dell’Associazione, in Italia e in campo internazionale. La gran parte delle attività svolte, rivolte sia al mondo dell’Università (tradizionalmente collegato agli studi musicologici) sia a quello dei Conservatori (da sempre sede di competenze e professionalità in campo analitico-teorico) hanno visto un enorme incremento. I Convegni – fondati nel 2000 dalla rivista Analitica – hanno visto un grandissimo sviluppo passando dai 10 partecipanti del 2000 ai 73 del 2019, di cui 29 stranieri e 20 provenienti dai Conservatori. Anche in campo didattico e formativo il lavoro svolto dalla Presidenza Pozzi ha puntato ad un incremento dei contatti con tutte le istituzioni italiane. Probabilmente l’attività più importante è stata proprio l’attivazione di un Master Universitario di I livello che, dalla sua istituzione nel 2014, si è costantemente rinnovato, arrivando oggi alla sua Settima Edizione. Tutte le edizioni hanno avuto un numero di partecipanti importante e molti tra i circa 100 partecipanti che si sono via via iscritti hanno contribuito alle attività del GATM e sono ora tra i candidati al prossimo Comitato Scientifico. Non solo dal punto di vista economico ma soprattutto da quello formativo il successo del Master è stato ampiamente riconosciuto all’interno e all’esterno dell’Associazione. Parallelamente, continua Pozzi, siamo stati presenti in tutte le edizioni degli Euromac sia come organizzatori sia come studiosi, mentre il raggiungimento della classe A nel 2018 da parte della RATM è stato un segno tangibile della qualità e dell’impegno svolto. Analitica, rivista scientifica dal 2012, ha avuto un percorso più difficile ma essendo una rivista free access ha una funzione molto importante nell’opera di diffusione e avvicinamento degli studiosi, dei ricercatori e degli studenti alla nostra Associazione. Tra le attività svolte va anche ricordato il contratto con il RILM (dal 2014), che ci permette di essere presente in campo internazionale all’interno di uno dei più importanti aggregatori, e quello con la LIM (dal 2020) che ha posto fine alla confusione esistente tra abbonamento alla rivista RATM e iscrizione all’Associazione. Infatti, anche attraverso la ristrutturazione del sito del GATM, è oggi possibile iscriversi direttamente dal sito e scegliere se partecipare attivamente alla vita associativa oppure se limitarsi ad abbonarsi alla sua rivista su carta o in formato elettronico (un formato anch’esso proposto e realizzato durante i primi anni della Presidenza Pozzi). Pozzi conclude ringraziando tutti i Direttori delle riviste, gli staff redazionali e tutti i membri dei Comitati Scientifici, dei Collegi dei Sindaci e dei Consigli Direttivi che si sono avvicendati nei suoi 9 anni di Presidenza e auspica che le iniziative attivate e sviluppate (spesso con fatica e lavoro), possano essere mantenute e ulteriormente migliorate, nel segno di una maggiore diffusione e specializzazione della disciplina che tanto amiamo.

Grande passa a descrivere la situazione della RATM, ricordando come uno degli scopi principali era di rimettere in linea la rivista con i tempi di pubblicazione. Annuncia che ieri si è chiuso il numero 2020/2 e probabilmente il numero 2021/1 uscirà in autunno. C’è anche già abbastanza materiale per il numero 2021/2. Ci sono alcuni rallentamenti, principalmente per problemi di impaginazione, con la casa editrice.

Stassi, co-Direttore di Analitica insieme a Anna Maria Bordin e Egidio Pozzi, annuncia la prossima uscita del numero 2020 di Analitica, a settembre. I materiali sono in revisione, e si inaugurerà una sezione completamente dedicata alla ricerca artistica. Si sono risolte molte delle criticità della piattaforma online utilizzata, alcune delle quali si sono però ripresentate. Richiama l’attenzione sulla necessità di avere uno staff specifico ed esperto che si occupi dell’aspetto tecnico-informatico.

Dalmonte chiede una parola in ricordo del compianto Luca Marconi. Pozzi lo ritiene particolarmente appropriato, e ricorda come Luca Marconi abbia sempre partecipato con passione e competenza alle attività del GATM, sia quando era membro del Comitato Scientifico sia quando proponeva delle iniziative dall’esterno degli organismi dirigenti. In particolare ricorda come il progetto Analisi e Interpretazione, che ha visto la collaborazione di università e conservatori e i cui risultati furono portati dal GATM all’Euromac di Strasburgo, sia stato proposto proprio da Luca e successivamente sviluppato e realizzato in team con alcuni di noi. Inoltre Luca svolse una funzione fondamentale nel cercare di appianare i contrasti con la IASPM contribuendo al cambio di Statuto del 2016. Sarebbe importante non dimenticare la sua figura ma ricordarlo in futuro anche con iniziative e attività concrete.

In conclusione non essendoci argomenti al punto 4 dell’odg, ed essendo la votazione online nel pomeriggio, Pozzi ricorda ancora le modalità di votazione. La riunione si chiude momentaneamente alle ore 13:30 per riaprirsi alle ore 21.45 per i risultati del voto.

 

La riunione si riapre alle ore 21.45, la registrazione viene ripresa e il Presidente Egidio Pozzi condivide il suo schermo per consentire a tutti partecipanti di vedere l’arrivo dei risultati delle votazioni. La Commissione Elettorale comunica che durante il pomeriggio non ci sono stati eventi particolarmente problematici e che le votazioni si sono svolte regolarmente. Lo spoglio è avvenuto tramite la piattaforma VotaFacile e i risultati, pervenuti immediatamente dopo le 22.00, sono stati trasmessi in diretta.

 

Per l’elezione del Comitato Scientifico il numero delle schede pervenute è 110 su 132 aventi diritto. I risultati sono i seguenti:

1   Fabio DE SANCTIS DE BENEDICTIS    voti 96

2   Anna Maria BORDIN    voti 89

3   Antonello MERCURIO    voti 83

4   Marco STASSI    voti 78

5   Marina MEZZINA    voti 77

6   Giovanni VACCA    voti 75

7   Simonetta SARGENTI    voti 69

8   Francesco MASCHIO    voti 68

9   Massimo PRIVITERA    voti 60

10   Anna Rita ADDESSI    voti 42

11   Gabriele CECCHETTI    voti 38

12   Gianluca DAI PRA'    voti 37

13   Alberto ODONE    voti 32

14   Giusy CARUSO   voti 30

15   Marco DELLA SCIUCCA    voti 24

16   Erica BISESI    voti 16

17   Matteo FARNE'    voti 11

18   Marco TARGA   voti 11

19   Sergio LANZA    voti 10

20   Giovanni ALBINI    voti 9

21   Cristina GHIRARDINI    voti 8

22   Anita PIANESI    voti 8

23   Marta RICCARDI    voti 6

1 Scheda bianca 

 

Per l’elezione del Collegio dei Sindaci il numero delle schede pervenute è 110 su 132 aventi diritto. I risultati sono i seguenti:

1   Maurizio GIANNELLA    voti 96

2   Paolo GEMINIANI    voti 94

3   Silvano MANGIAPELO   voti 93

9 Schede bianche

 

Per il triennio 2021-2023 risultano quindi eletti nel Comitato Scientifico del GATM i seguenti soci: Fabio De Sanctis De Benedictis, Anna Maria Bordin, Antonello Mercurio, Marco Stassi, Marina Mezzina, Giovanni Vacca, Simonetta Sargenti, Francesco Maschio, Massimo Privitera e Anna Rita Addessi.

Per il Collegio dei Sindaci risultano eletti i seguenti Soci: Maurizio Giannella, Paolo Geminiani e Silvano Mangiapelo.

La riunione si conclude alle ore 22.30.

Firmato: il Presidente (Egidio Pozzi), Il Segretario verbalizzante (Fabio De Sanctis De Benedictis)

ALLEGATO 1 OMISSIS
ALLEGATO 2 OMISSIS
ALLEGATO 3 OMISSIS