Home » Pubblicazioni » Rivista di Analisi e Teoria Musicale (RATM) » Anno 2010/1 » György Kurtág, il maestro del piccolo gesto. Riscrittura e costruzione formale nell’Hommage à R. Sch.

György Kurtág, il maestro del piccolo gesto. Riscrittura e costruzione formale nell’Hommage à R. Sch.

Egidio Pozzi - pag. 67-102

Hommage à R[obert] Sch[umann] per clarinetto (e gran cassa), viola e pianoforte – la cui prima esecuzione fu data a Budapest nell’ottobre del 1990 – comprende sei movimenti, di cui solo il terzo e il quinto sembrano essere stati specificamente ideati per l’occasione. Il primo movimento si basa su un frammento inizialmente scritto nel 1975 e poi inserito nel secondo volume della raccolta Játékok del 1985-86. Il secondo è l’adattamento di un passaggio tratto dalla seconda sezione dei Kafka-Fragmente (1985-87), mentre il quarto corrisponde ad un pezzo non pubblicato per pianoforte del 1983, dal titolo Felhö valék, már süt a nap ... Infine il sesto trae spunto da una composizione per trombone e pianoforte del 1976, rimasta anch’essa non pubblicata e intitolata Nagy Sirató.

Documento a pagamento:

Acquista