Home » Pubblicazioni » Rivista di Analisi e Teoria Musicale (RATM) » Anno 2011/1-2 » Etica della produzione o etica della ricezione? Strategie formali e interpretative in The Diamond Sea dei Sonic Youth

Etica della produzione o etica della ricezione? Strategie formali e interpretative in The Diamond Sea dei Sonic Youth

Alessandro Bratus e Federico Zuolo - pag. 155-179

Nel quadro del rock e della popular music contemporanea lo stile definito come noise occupa una posizione particolare, in bilico tra intrattenimento e provocazione d’avanguardia, tra musica pensata per un consumo di massa e un prodotto lontano dai cliché propri del mainstream. Principale caratteristica del genere è la presenza strutturale del rumore, inteso principalmente come suono distorto all’estremo delle chitarre e dei bassi elettrici, che diventa una risorsa allo stesso tempo compositiva e despressiva. È proprio questa qualità intrinsecamente “doppia” del genere e del materiale costitutivo ad aver attirato la nostra attenzione, permettendoci di esaminare un brano dei Sonic Youth come banco di prova per un’indagine che provi a tenere insieme dati analitici e il possibile inserimento all’interno di un contesto teorico più ampio.

Documento a pagamento:

Acquista